Allacciamento luce : costi, tempi e modalità di attivazione

Di Antonino Vento
contatore

Se si deve stipulare un contratto di fornitura di energia elettrica per un immobile che non è stato mai alimentato (quindi non possiede contatore e connessione) bisogna necessariamente richiedere l’allacciamento alla rete elettrica: ma l’allaccio va richiesto ad Enel o può essere fatto con altro fornitore? Quanto ammontano i costi di allaccio luce e da cosa dipendono? Quanto tempo bisogna aspettare per l’allacciamento?

A chi presentare la richiesta di allaccio e quali i dati necessari?

I lavori di allacciamento sono di pertinenza della società che gestisce la rete locale (ad es. Enel Distribuzione nella maggior parte del territorio nazionale), quindi la domanda va presentata a quest’ultima, direttamente ai loro sportelli o indirettamente tramite la società di fornitura prescelta (quest’ultima ha due giorni di tempo per trasmetterla).

Quanto costa un allaccio?

Il costo di un allacciamento permanente (cioè senza limiti di tempo) sarà pari alla somma dei contributi “Quota distanza”, “Quota potenza” e “Quota fissa”, ad eccezioni delle tipologie di allacciamenti classificati “particolari” (ad esempio allacciamenti di roulette, case isolate in territorio extraurbano, fabbricati non accessibili da strade, ecc.)

A) La “Quota distanza” dipende dalla distanza in metri tra il punto di fornitura e la prima cabina di trasformazione disponibile ed è così determinata:
– Fino a 200 metri o, indipendentemente dalla distanza effettiva in caso di casa di residenza: € 183,62;
– Quota aggiuntiva da 200 a 700 m.: per ogni 100 metri o frazione superiore a 50 metri € 92,05;
– Quota aggiuntiva da 700 a 1.200 metri: per ogni 100 metri o frazione superiore a 50 metri € 183,62;
– Quota aggiuntiva oltre 1.200 metri: per ogni 100 metri o frazione superiore a 50 metri €367,25.

B) La “Quota potenza” è pari a € 69,22 per ogni kW richiesto

C) La “Quota fissa” è pari a € 27,59.

I costi degli allacciamenti “permanenti particolari” saranno pari alle effettive spese sostenute dalla società di distribuzione.

Il preventivo di allaccio

La società distributrice entro venti giorni della richiesta deve inviare al cliente il preventivo, che riporta oltre il corrispettivo per la connessione, i tempi per l’esecuzione dei lavori, la validità dell’offerta.

Se il preventivo viene trasmesso oltre i venti giorni il cliente ha diritto ad un indennizzo di € 30,00 per tempi di trasmissione fino al doppio del previsto, € 60,00 per tempi fino al triplo e € 90,00 per tempi oltre il triplo del previsto.

Tempi di esecuzione dei lavori

I tempi necessari a realizzare un allacciamento dipendono dalla tipologia di lavori che la società distributrice deve eseguire. La normativa di riferimento (delibera AEEG 333/07) classifica i lavori di allaccio in semplici e complessi; si ricade nel primo caso (lavori semplici) si devono effettuare interventi limitati (ad es. installazione del solo contatore o di un piccolo tratto di cavo), mentre si ricade nel secondo (lavori complessi) in tutti gli altri casi.

L’allacciamento con lavori “semplici” deve essere realizzato entro 15 giorni lavorativi dall’accettazione del preventivo, mentre se i lavori di allacciamento sono “complessi” l’allaccio deve essere realizzato entro 60 giorni lavorativi. In entrambi i casi non vengono considerati i giorni necessari all’utente per espletare eventuali opere accessorie (ad esempio la realizzazione del box contatore) o per l’ottenimento di autorizzazioni.

Indennizzi per ritardo connessione

Solo per i lavori “semplici” si ha diritto ad un indennizzo di € 35,00 per tempi di trasmissione fino al doppio del previsto, € 70,00 per tempi fino al triplo e € 105,00 per tempi oltre il triplo del previsto, sempre che il ritardo sia ascrivibile alla società di distribuzione.

Tariffe luce >>

Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?

Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo email qui sotto!
* indicates required


202 commenti su “Allacciamento luce : costi, tempi e modalità di attivazione”

  1. Antonino Vento il 04/06/15 ha scritto:

    @ Maurizio,
    ti consiglio di sporgere reclamo allo sportello del consumatore dell’Autority AEEGSI http://taglialabolletta.it/come-fare-reclamo-aeegsi/



  2. Maurizio il 27/05/15 ha scritto:

    Buonasera sign. Antonino ho acquistato un terreno ,il 27 aprile 2015 ho fatto richiesta a enel di un nuovo allaccio enel il 05 maggio mi manda un foglio in cui c’è scritto di pagare 122.00€ per provvedere a fare il sopralluogo/preventivo entro 15 gg lavorativi dal pagamento ,io nello stesso giorno pago il bollettino e lo rimando al fax 800046674 (area tecnica enel distribuzioni ) con annesso pagamento e recapito telefonico ,il giorno 19 maggio mi arriva un altro foglio in cui mi dicono abbiamo ricevuto il pagamento e CONTESTUALMENTE abbiamo mandato al distributore per effettuare il soppralluogo/preventivo . Io ad oggi non ho avuto n’è altre chiamate n’è il preventivo…ho chiamato il numero verde spiegando la situazione ma loro dicono di non avere ricevuto nessun fax …allora io mi chiedo come possano avermi mandato il foglio del l’emissione della fattura e della conferma di pagamento .ho mandato un altro fax di sollecito ,ma non ho avuto nessuna risposta o chiamata , Tenga presente che la cabina dista dal mio terreno 70 metri e non credo che venga ritenuto un lavoro difficile …mi dia qualche consiglio di come muovermi. Grazie in anticipo



Commenta questo post