Climatizzatore Sharp portatile

Di Valerio Guiggi
logo sharp

Sharp oltre a produrre e commercializzare di climatizzatori fissi, produce anche climatizzatori portatili in modo da soddisfare le esigenze di chi non può mettere in casa (o non vuol mettere) un impianto a muro.

Si tratta di climatizzatori inferiori, dal punto di vista delle prestazioni, rispetto ai fissi, ma per qualcuno rappresentano una scelta obbligata. Sharp ne propone un solo modello, che andiamo a valutare in questa pagina cercando di capire quali sono le sue caratteristiche positive e quali le limitazioni del climatizzatore portatile Sharp.

Climatizzatore portatile Sharp PV-P10PR

climatizzatore portatile sharp
Nel titolo del paragrafo il nome preciso del dispositivo portatile Sharp, mentre qui di seguito potete trovare le sue caratteristiche.

Innanzitutto, è importante sapere che siamo di fronte ad un apparecchio che raffredda solamente, non ha funzione di riscaldamento, per cui non può essere utilizzato durante l’inverno ma solamente in estate.

Le funzioni che ha sono le classiche tre dei climatizzatori portatili, ovvero:

  • Il climatizzatore, che raffredda effettivamente l’aria; è possibile raffreddare fino a 40 gradi di temperatura ambientale, ed è possibile anche usare una funzione detta turbo che permette di raffreddare in modo particolarmente veloce, a scapito del consumo energetico e della rumorosità. Il climatizzatore va utilizzato necessariamente con il tubo, per lo scambio di aria calda che viene portata all’esterno della stanza.
  • Il deumidificatore, che rimuove invece l’umidità dall’aria, diminuendo così la temperatura percepita in estate. L’umidità viene scaricata con il sistema di drenaggio continuo, cioè attraverso un piccolo tubo che la raccoglie e la inserisce in un contenitore (come un secchio, dobbiamo metterlo noi) che verrà poi svuotato. In questa modalità non è necessario l’utilizzo del tubo.
  • Il ventilatore, che attiva essenzialmente solo la ventola del climatizzatore ma non il climatizzatore in sé. Muove l’aria, ma non raffredda.

Chiaramente, quando lo si utilizza il dispendio energetico maggiore lo abbiamo in modalità di condizionamento: assorbe comunque al massimo 2,5 kW, per cui utilizzandolo da solo non c’è il rischio che si possa superare la potenza del contatore di casa.

Le funzioni di questo modello non sono troppo diverse da quelle di altri prodotti simili della concorrenza. In particolare, possiamo effettuare una programmazione della partenza e dello spegnimento della macchina, con il timer, e il climatizzatore si può controllare con il telecomando, ma a parte queste due cose non troviamo nulla di particolarmente innovativo, tranne un aspetto.

Il filtro al plasma e lo ionizzatore

Nel climatizzatore portatile Sharp troviamo il filtro al plasma, un tipo di filtro che migliora la qualità dell’aria e che di solito troviamo unicamente nei climatizzatori fissi, non nei portatili.

Si tratta di un filtro particolare che è elettricamente carico, per cui non si limita a fermare meccanicamente le particelle (come la polvere) che si trovano nell’aria, ma le attira a sé, grazie all’elettricità.

Questo significa che trattiene più particelle, e se da una parte il filtro va pulito più spesso dall’altra la qualità dell’aria migliora nettamente, perché la maggior parte della polvere, e di conseguenza degli allergeni, viene trattenuta: è un buon sistema per rendere migliore l’aria respirata dagli allergici, ed è una cosa molto rara da trovare in un climatizzatore portatile, e anche i fissi che ce l’hanno sono piuttosto costosi.

Questo tipo di filtro integra anche lo ionizzatore, che polarizza l’aria emettendo nella stanza ioni negativi. Se per noi non cambia nulla (a parte una percezione di corrente fredda in deumidificazione che in realtà non c’è), questi ioni negativi si legano a diverse molecole dell’aria, tra cui gli allergeni, rendendoli incapaci di provocare la reazione allergica: un altro contributo, quindi, al miglioramento della qualità dell’aria.

A nostro avviso, nonostante manchino alcune funzioni (una combinazione tra raffreddamento e deumidificazione, una funzione di silenzio) rispetto a marche concorrenti, la presenza dello ionizzatore può essere una scelta determinante per questo oggetto, in particolare per le persone allergiche: un acquisto che deve quindi essere preso in considerazione, tra i diversi climatizzatori portatili disponibili.

Lascia un commento

La tua Mail non verrà publicata