Come scegliere uno smart box TV?

Di Valerio Guiggi
SkyOnline TV box

In un’epoca, come quella in cui stiamo vivendo, in cui siamo circondati dai dispositivi smart, come gli smartphone o gli smartwatch, anche il nostro salotto deve avere qualcosa di smart, come una smart TV, cioè quelle connesse in internet che permettono di svolgere un sacco di operazioni, ma sono anche incredibilmente costose.

Perchè nasce l’esigenza dell’esistenza di questi dispositivi?

Gli Smartbox TV, dispositivi piccoli, delle dimensioni di un decoder, che aggiungono alle normali televisioni delle funzionalità tipiche dei computer, o dei tablet, con un costo veramente basso e continuando ad utilizzare il televisore che già abbiamo in casa, evitandoci così la tentazione di acquistarne uno nuovo :-)

Guida alla TV su internet: dai canali alle modalità per vederla

Ma quali sono le caratteristiche minime del televisore?

Intanto vanno escluse, ovviamente, le TV che sono smart già da sole (ci mancherebbe) e poi i televisori, in generale, che non supportano la risoluzione HD, a 720 Pixel di altezza (o superiori). Quelle con il tubo catodico, insomma, no.

Per essere sicuri che il TV sia compatibile potete effettuare i seguenti test:

• Se avete un televisore al Led, di quelli normali, potete fare una semplice prova: sintonizzatevi sul canale 501, l’HD della Rai, e se vedete le immagini il televisore, almeno a risoluzione, va bene; se sentite solo l’audio, in generale, non va bene ed è troppo vecchio.

• C’è bisogno del collegamento HDMI: andate dietro al televisore e vedrete delle connessioni, tra cui sicuramente gli USB, quelli per le chiavette, e una connessione più piccola con scritto “HDMI” (che è quella che ci interessa). Se non la trovate, e al suo posto ci sono le vecchie SCART, anche in questo caso il televisore è troppo vecchio.

• Bisogna assicurarsi di avere una presa elettrica a portata di smartbox, perché funzionano ovviamente con la corrente.

• È necessaria, anche se non riguarda il televisore, una connessione ad internet per scaricare i contenuti. Va bene sia cablata (considerando il filo in mezzo alla casa) che Wi-Fi. Alcune smartbox non supportano il cavo ma solo la connessione Wi-Fi.

Come scegliere correttamente uno smart box?

Una volta sicuri di avere un televisore compatibile bisogna considerare le caratteristiche tecniche dello smartbox, per scegliere quello giusto per noi.

Per scegliiere il TV box correttamente segui questi consigli:

• Per prima cosa, gli smartbox proprio come un computer hanno un sistema operativo. Alcune smartbox (Apple TV) hanno iOS, il sistema di iPhone e iPad, altre hanno dei sistemi operativi proprietari, ma la stragrande maggioranza ha Android. Questi sistemi funzionano come dal cellulare e si possono scaricare film, musica ed app con il nostro account. Tendenzialmente sarebbe meglio scegliere lo Smartbox con lo stesso sistema operativo del nostro cellulare/tablet: se abbiamo acquistato, ad esempio, dei film da Google Play in passato potremo vederli di nuovo su smartbox senza doverli nuovamente pagare.

• È importante valutare le connessioni internet con cui li smartbox è compatibile, come abbiamo detto prima.

• Bisogna considerare inoltre i media con cui è compatibile. Possono essere foto come le JPG, PNG, BMP, o video come MKV, AVI o MP4, o ancora audio come MP3 o FLAC. Queste sono le estensioni dei file così come le troviamo sui computer, e sono i file che lo smartbox sa leggere. Se mettiamo una chiavetta USB sul dispositivo con i file compatibili, potremo visualizzarli.

• Attenzione alle app particolari: se siamo abbonati a pay TV come Infinity, Sky Online, TIMvision, Netflix e così via assicuriamoci, chiedendolo al venditore, se l’app del servizio a cui siamo abbonati è compatibile con quello smartbox. In caso contrario valutiamo l’acquisto di un prodotto diverso.

Quanto costa uno smart box TV?

Infine, concludiamo con qualche parola sui prezzi: in generale le smartbox sono piuttosto economiche, essendo fondamentalmente dei piccoli computer ma senza schermo.

I prezzi partono dai 40 euro per arrivare ai 100 euro, in relazione alle caratteristiche che offrono all’utente, come per esempio:

• Le app disponibili fin dall’acquisto sul dispositivo;

• Il fatto che permettano o meno la navigazione in internet da un browser, come se fossimo sul computer;

• Lo streaming di contenuti dal cellulare senza connessioni fisiche ma solo wireless (ad esempio, tramite connessione Bluetooth);

• Alcuni giochi da utilizzare sul televisore;

• La possibilità di riprodurre film in Full HD piuttosto che solo in HD;

• La memoria a disposizione per salvare foto e film direttamente sullo smartbox;

• La possibilità di espandere la memoria tramite MicroSD, che al bisogno può essere spostata nel computer per trasferire i contenuti direttamente.

La Apple TV, ad esempio, uno degli esempi più famosi di smartbox di buon livello, costa 79 euro.

Ovviamente più si spende, più funzionalità avremo, ma è importante analizzare il prodotto come si deve per essere sicuri di pagare solo per le funzionalità a cui veramente siamo interessati.

Vuoi ricevere guide e novità sull'argomento?

Inserisci qui sotto nome ed indirizzo email e riceverai gratis news approfondimenti sull'argomento, oltre la speciale guida "Pay TV e internet"

6 commenti su “Come scegliere uno smart box TV?”

  1. Salve, io ho un tv Philips Smart ma quando ci attacco il cavo ethernet del modem non diventa ‘smart’: posso aggiungerci il tv box? Grazie

Lascia un commento

La tua Mail non verrà publicata