Da ottobre 2015 tariffe gas e energia elettrica in aumento

Di Valerio Guiggi
Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico

Le tariffe per la fornitura di energia elettrica e gas aumenteranno dal 1° ottobre, così come dichiarato da AAEGSI in un comunicato stampa divulgato proprio qualche giorno fa. Aumenti che riguardano principalmente le componenti non negoziabili, del costo di un kWh o al SMC di gas.

Bolletta dell’energia elettrica +3,4%

Gli aumenti della bolletta elettrica sono da imputarsi soprattutto al costo della fornitura di elettricità che l’acquirente unico, ovvero lo stato, ha dovuto sostenere questa estate, quando a causa del caldo record i consumi sono aumentati a picco a causa del massivo utilizzo dei condizionatori. La maggiore richiesta ha portato a maggiori costi di fornitura, che devono essere recuperati in questo modo.

Come cambiare tariffa luce e gas senza brutte sorprese?

Questo aumento verrà comunque ammortizzato dal calo della componente energia che si è verificato nei primi nove mesi del 2015, per cui andando ad effettuare un paragone tra i costi della famiglia media sostenuti lo scorso anno, nel 2014, rispetto all’intero anno 2015, c’è comunque un risparmio medio di 60 euro a famiglia.

Bolletta del Gas +2,4%

Il costo del gas naturale aumenterà del 2,4%, meno dell’energia che invece aumenterà del 3,4%. Questo a fronte di un leggero calo del costo della materia prima che, per chi ha sottoscritto un’offerta a tasso variabile per il gas, si rispecchierà sulla bolletta in forma di minor costo. Insomma, il gas naturale sui mercati internazionali costa meno, ma in totale noi riceveremo un aumento.

Questo è imputabile al fatto che stiamo entrando nella stagione invernale e, un po’ come succede tutti gli anni, sono molti i costi che è necessario sostenere per la manutenzione degli impianti viste le grandi richieste invernali nel nostro paese. In ogni caso si tratta di un aumento puramente transitorio, che (a meno che la materia prima gas naturale torni ad aumentare) dovrebbe concludersi alla fine dell’ultimo trimestre 2015, quando calerà di nuovo.

In ogni caso, nel corso del 2015, abbiamo risparmiato in generale, a causa dei cali dei mesi scorsi, sul prezzo del gas rispetto a quanto avevamo pagato nel corso del 2014, nonostante questo aumento.

Il mercato libero per erodere una parte di questi aumenti

Nonostante questi aumenti, è comunque possibile ridurre i rialzi delle bollette passando al mercato libero, che comunque recepisce gli aumenti delle componenti non negoziabili (servizi di rete, oneri generali, … ecc) ma può offrirci un prezzo della componente energia o gas più bassa del mercato di maggior tutela.

Per trovare la tariffa di energia elettrica o gas metano più adatta alle vostre esigenze potete utilizzare il comparatore offerte luce e gas, che vi mostrerà quanto potete risparmiare ognuna delle tariffe proposte.

Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?

Inserisci qui sotto nome ed indirizzo email, per ricevere gratis aggiornamenti e l'esclusiva guida "Come cambiare fornitore luce e gas senza avere sorprese?"! (condizioni del servizio)

Lascia un commento

La tua Mail non verrà publicata