Edison Smart Living

Di Valerio Guiggi
Edison Energia

La domotica, chiamata anche Casa Smart oppure Casa Intelligente, è uno degli ambiti tecnologici più interessanti degli ultimi tempi, un sistema in continua espansione che permette di rendere sempre più interconnessi i dispositivi di casa, che saranno tendenzialmente controllabili, e avranno modo di comunicare, direttamente con il nostro smartphone.

In questa pagina parliamo di uno dei sistemi proposti dagli operatori dell’energia elettrica: parliamo di Edison Smart Living, sistema proposto dall’operatore Edison che permette di connettere con lo smartphone, tramite un’apposita applicazione, i dispositivi elettronici compatibili presenti nella nostra casa. E’ un sistema a sé stante, per cui permette di controllare con un unico Gateway (simile ad un modem) molti dispositivi diversi; l’offerta è buona per numero di dispositivi compatibili, meno per il suo costo ricorrente. Ma vediamola meglio.

Come cambiare tariffa luce e gas senza brutte sorprese?

Edison Smart Living: come funziona

Il funzionamento di Edison Smart Living è abbastanza semplice. Per prima cosa bisogna acquistare un dispositivo di base, il Gateway, che funziona come il modem di internet: la differenza è che serve a connettere non i dispositivi al Wi-Fi, ma gli accessori smart tra loro e, soprattutto, al cellulare da cui potranno essere controllati.

Il Gateway è distribuito direttamente da Edison (a marchio Edison) ed è l’azienda che si occupa di rendere compatibili i dispositivi, che sono tanti e vari; prendendo ad esempio Philips Hue, uno dei tanti dispositivi domotici, questo sarà già compatibile con il Gateway Edison, senza la necessità di utilizzare apparecchi aggiuntivi; questo crea variabilità tra gli accessori a disposizione, nonché permette di utilizzarli tutti tramite un’unica app per smartphone, messa a disposizione da Edison.

Quello che bisogna avere, necessariamente, per utilizzare il sistema è:

  • Una fornitura elettrica attiva (questo è ovvio, ma non è necessario che l’operatore sia Edison);
  • Una Wi-Fi funzionante in casa, per far comunicare il Gateway con il cellulare;
  • Un telefono con iOS o Android, per poter usare l’app.

L’operatore ci offre una base iniziale che è composta dal Gateway più tre accessori , ovvero una presa intelligente, un multisensore (movimento, luminosità e temperatura) e un sensore porta/finestra. Gli altri accessori sono disponibili sul sito Edison e vanno acquistati a parte; non necessariamente vanno acquistati dal sito Edison (se si trovano più convenienti da altre parti), ma è importante assicurarci che marca e modello siano quelli, pena l’impossibilità di utilizzarli con il nostro sistema smart.

Quanto costa Edison Smart Living?

L’acquisto dello starter kit, di per sé, costa 350 euro, che però sono scontati del 100%, ovvero non si pagano, se continuiamo ad utilizzare il servizio per almeno 24 mesi. Gli accessori aggiuntivi, chiaramente, vanno pagati.

Tuttavia Edison ci chiede anche un canone di utilizzo, pari a 19,90 euro al mese (per sempre), che serve ad utilizzare il Gateway: se smettiamo di pagare questo non funzionerà più quindi non funzioneranno più gli accessori e perderemo la nostra “casa smart”. Se, poi, smettiamo di pagare prima dei 24 mesi dovremo pagare anche i 350 euro che ci erano stati scontati, in un’unica soluzione.

Per il pagamento arriveranno delle bollette a parte se non siamo clienti Edison, mentre se siamo clienti il costo verrà addebitato direttamente in bolletta della luce.

Il sistema Edison Smart Living è conveniente?

Come dicevamo all’inizio, il sistema proposto da Edison è vantaggioso nella misura in cui non paghiamo il costo iniziale del kit (che viene completamente scontato) e per il numero e la varietà degli accessori compatibili gestibili tramite un’unica app (se li acquistassimo ognuno per conto proprio avremmo bisogno di una decina di applicazioni diverse, sullo smartphone).

Il problema è essenzialmente quello del costo: 20 euro al mese per usare degli accessori che, comunque, potremmo anche usare senza pagare nulla è un po’ eccessivo, visto che è la cifra che si paga (ad esempio) per avere un’ADSL in casa. Il problema maggiore, a nostro avviso, è che si tratta di un canone, per cui non è una rateizzazione che ad un certo punto finisce: se teniamo il sistema anche per 10 anni, dovremo continuare a pagarlo, e comunque per non pagare il costo iniziale di 350 euro dobbiamo pagare i 20 euro al mese almeno per due anni, per una spesa minima totale di 480 euro. Se, poi, smettiamo di pagare, gli accessori ci rimangono ma il Gateway smette di funzionare, e con esso tutto il sistema.

Per cui una soluzione piuttosto costosa anche se, da un altro punto di vista, semplificata rispetto alla gestione della “normale” casa Smart che fa uso di un numero maggiore di applicazioni, anche una per accessorio; con il sistema Edison basta un’app per controllarli tutti, e peraltro si possono anche far interagire tra loro, ad esempio programmando l’accensione di più elettrodomestici alla stessa ora. Insomma, per semplicità è un sistema ben realizzato, nonostante il costo mensile.

E gli altri operatori?

Anche altri operatori permettono di avere una soluzione Smart per la casa, che può essere diversa da quella di Edison.

Enel Energia, con il suo sistema e-Goodlife, ad esempio non ci impone un canone mensile ma ci fa pagare l’acquisto dei prodotti; lo starter Kit, simile a quello di Edison (ma con due accessori e non tre), costa 329 euro, da pagare subito o a rate, e poi è nostro per sempre.

La differenza c’è: con Enel si pagano subito 330 euro, con Edison in 24 mesi paghiamo 480 euro, anche se dilazionati, cioè 150 euro in più, ridotti dal fatto che c’è un accessorio in più. In entrambi i casi gli accessori rimangono nostri, ma con Edison, se smettiamo di pagare, vanno riconfigurati (il Gateway non funziona più), mentre con Enel tutto continua a funzionare. Altro particolare, Edison mette a disposizione molti più accessori compatibili rispetto ad Enel Energia, a fronte di un costo maggiore.

Per cui, le due soluzioni sono ben distinte, e “a naso” verrebbe da preferire Enel Energia, anche se Edison ha alcune caratteristiche vantaggiose che meritano di essere prese in considerazione.

Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?

Inserisci qui sotto nome ed indirizzo email, per ricevere gratis aggiornamenti e l'esclusiva guida "Come cambiare fornitore luce e gas senza avere sorprese?"! (condizioni del servizio)

Lascia un commento

La tua Mail non verrà publicata