Risparmiare con i sistemi di gestione e controllo illuminazione

Di Antonino Vento

Oggi è possibile abbattere i consumi di un impianto di illuminazione artificiale, utilizzando sistemi evoluti di controllo della luce naturale presente nell’ambiente, abbinati, in molti casi, con sensori di presenza e movimento.
Qui di seguito si descriveranno questa tipologia di impianti, con i relativi benefici che possono apportare.

Come funziona un sistema di controllo dell’illuminazione?

Al fine di raggiungere gli obiettivi di risparmio energetico, il sistema farà si che, in ogni istante, la somma dell’illuminamento prodotto dalla luce naturale e da quella artificiale, sia pari a quello necessario per svolgere l’attività prevista nell’ambiente.

Come cambiare tariffa luce e gas senza brutte sorprese?

Così facendo, in alcune ore del giorno, quando l’illuminazione artificiale avrà un ruolo preponderante, l’impianto di illuminazione artificiale funzionerà a potenza ridotta o addirittura verrà spento.

Chiave del sistema di controllo illuminazione è il dimmeraggio dell’impianto, che consiste nel regolare l’intensità luminosa emessa, con conseguente riduzione di potenza assorbita e quindi dell’energia elettrica consumata.

Non solo benefici sull’energia assorbita ma anche sui costi di manutenzione

Un impianto regolato, fa si che il tempo medio di vita delle apparecchiature (lampade, alimentatori, ecc) sia più lungo rispetto i classici impianto on/off; tutto ciò comporterà minori interventi di manutenzione e quindi riduzione dei costi di gestione dell’impianto.

La configurazione base di un sistema di controllo del flusso luminoso
Nella versione più semplice un sistema di controllo illuminazione è costituito da un apparecchio illuminante dotato di alimentatore dimmerabile, collegato ad un sensore di intensità luminosa; se poi si vuol rilevare anche la presenza all’interno dell’ambiente si dovrà prevedere un sensore di presenza (nella foto a destra è rappresentato un sensore e alimentatore OSRAM).

Gli impianti più complessi sono costituiti da corpi illuminanti dotati di alimentatore dimmerabile con interfaccia per rete BUS, sensori collegati sulla rete bus, rete BUS, computer di supervisione dotato di apposito software.

Controllo illuminazione: non solo efficienza energetica
Oltre ad abbattere consumi e costi di manutenzione, i sistemi di gestione dell’illuminazione, portano benefici in termini di salute agli occupanti gli ambienti; infatti studi hanno riscontrato che in presenza di un illuminazione adeguata si riduce l’affaticamento negli ambienti di lavoro.

Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?

Inserisci qui sotto nome ed indirizzo email, per ricevere gratis aggiornamenti e l'esclusiva guida "Come cambiare fornitore luce e gas senza avere sorprese?"! (condizioni del servizio)

Lascia un commento

La tua Mail non verrà publicata