Confronto offerte A2A Energia luce casa

Di Antonino Vento
offerte a2a energia gas e luce

Il prezzo energia luce della tua bolletta attuale è troppo alto?
Grazie al mercato libero dell’energia elettrica ed il gas, hai la possibilità passare ad altri fornitori con offerte più vantaggiose.

Proseguendo nella lettura scoprirai in dettaglio le offerte luce per il mercato libero proposte da A2A Energia e più precisamente potrai scoprire se sono convenienti per te!

Come cambiare tariffa luce e gas senza brutte sorprese?

Prezzo Sicuro Web+

offerta a2a energia prezzo sicuro luce piùLa prima tariffa offerta da A2A è l’offerta dedicata a chi vuole risparmiare gestendo le proprie bollette per via telematica e non cartacea, così da poter abbassare il prezzo della fornitura.

Permette infatti di bloccare il prezzo dell’elettricità per un anno, mentre i successivi il costo varierà in base a quello di mercato.

Si tratta di una tariffa solo bioraria, il cui costo della componente energia è 0,0645 €/kWh nelle ore diurne (lunedì-venerdì 8-19), mentre è di 0,0565 €/kWh nelle ore notturne e nei giorni festivi; non c’è comunque grande variabilità, per cui questa tariffa somiglia molto ad una monoraria.

Da notare però che i due prezzi scendono di un centesimo, arrivando a 0,545 e 0,465 rispettivamente, per coloro che passano per la prima volta al mercato libero con A2A, un incentivo ulteriore ad effettuare il passaggio.

Ai suddetti prezzi vanno sommate tutte le altre componenti, le accise e l’iva: come fare a stimare il costo della bolletta tutto compreso?
Cliccando sul bottone potrai simulare l’importo della bolletta con A2A Prezzo sicuro Web+.

Come vincoli per un prezzo molto conveniente, troviamo il fatto che le bollette possono essere pagate esclusivamente con addebito bancario, quindi senza bollettino, e ricevute soltanto via mail, eliminando così la bolletta cartacea.

Prezzo Sicuro Verde

offerta a2a luce prezzo sicuro verde Se l’offerta precedente consentiva essenzialmente di risparmiare sulla bolletta, la seconda offerta proposta è più costosa, ma permette di salvaguardare l’ambiente, aspetto molto importante da tenere in considerazione. Infatti, tutta l’energia elettrica che riceveremo arriverà da fonti rinnovabili e non dal petrolio.

Questo, come possiamo aspettarci, ha un costo: infatti, le tariffe sono di 0,0740 €/kWh nelle ore diurne (lunedì-venerdì 8-19), e di 0,0660 €/kWh nelle ore notturne e nei festivi. prezzi più alti dell’offerta precedente, che però aiuta l’ambiente, quindi la tariffa deve essere vista come un beneficio per la qualità della vita.

Al solito, ai suddetti prezzi vanno sommate tutte le altre componenti, mentre per simulare l’importo completo in bolletta clicca sul bottone sottostante.

Per la fornitura A2A Prezzo Sicuro Verde non è obbligatorio (ma è comunque possibile) scegliere di pagare con RID o ricevere la bolletta online); il prezzo dell’energia è comunque bloccato per 24 mesi, e ci mette al riparo da eventuali aumenti della componente energia.

BonusA2A luce e gas casa

offerta bonus a2a gas e luce
La terza offerta luce A2A è un’offerta “dual”, cioè particolarmente conveniente se si attiva sia la luce che il gas con A2A. Questo, però, non è obbligatorio, per cui è possibile attivare solamente la componente luce se preferiamo, mentre se siete interessati alle offerte gas A2A potete visitare questa pagina, in cui le abbiamo analizzate.

BonusA2A riconosce due bonus iniziali nella fornitura, che per la luce corrispondono a 40 euro, per tutti, e altri 20 euro per chi attiva online, per un totale di 60 euro di bonus. A titolo informativo, per il gas questi bonus sono di 25 e 20 euro, per cui se attiviamo entrambe le forniture online abbiamo un bonus totale di 105 euro.

Il bonus luce, di massimo 60 euro come abbiamo visto, viene riconosciuto nella prima bolletta, e nelle successive fino ad esaurimento (se la prima bolletta è di 40 euro, la pagheremo zero e i rimanenti 20 euro verranno riconosciuti nella seconda).

Il prezzo della componente luce può essere, a differenza delle precedenti, monorario, cioè uguale per tutte le ore, con un costo di 0,0720 €/kWh, o biorario, con un costo di 0,0779 €/kWh per le ore diurne, 0,699 €/kWh nelle ore notturne e nei festivi.

Come per Prezzo Sicuro Verde è possibile, anche se non obbligatorio, scegliere la bolletta online e l’addebito su conto corrente bancario, senza però avere alcun vantaggio.

Il programma fedeltà A2A

Da notare che, per chi sottoscrive A2A come operatore per l’energia elettrica, automaticamente inizia l’iscrizione al programma fedeltà ChiarA2A, che permette di ottenere punti, man mano che si prosegue con la fornitura, che danno diritto a sconti sulle bollette.

I punti si ottengono con le bollette precedenti e anche con acquisti sui siti partner A2A, e sono un buon incentivo per risparmiare ancora di più sulla nostra fornitura.

Qual è l’offerta luce A2A Energia più conveniente?

Dal punto di vista strettamente economico, l’offerta più conveniente tra quelle proposte da A2A è Prezzo Sicuro Web+, che ha un prezzo minore rispetto alle altre due tariffe.

Per fare un confronto, però, non si può paragonare a Prezzo Sicuro Verde che, dalla definizione dello stesso operatore, non è conveniente in principio; in quel caso, infatti, la convenienza è per l’ambiente, più che per il portafogli.

Confrontando invece Prezzo Sicuro Web+ con BonusA2A, si può fare un ragionamento. Il bonus A2Aè di 60 euro, considerando l’attivazione online, ma con una differenza di prezzo di 1,3 centesimi per kWh. Questo valore, moltiplicato per i 2.700 kWh annui consumati dalla famiglia media, è di 35,10 euro; il primo anno quindi si spendono 35 euro in più, ma anche 60 euro in meno grazie al bonus, che copre quindi circa 2 anni di fornitura per risparmio.

Se avete intenzione, quindi, di tenere per poco tempo A2A, il consiglio è quello di scegliere BonusA2A, che per voi è più conveniente, mentre più si ha intenzione di rimanere con questo operatore, più diventa conveniente l’offerta Prezzo Sicuro Web+. La scelta, quindi, è da considerare solo in base al vostro modo di gestire la fornitura elettrica.

Le offerte A2A luce sono più convenienti di quelle della concorrenza?

Rispetto agli altri operatori, la convenienza delle offerte A2A deve essere valutata in modo specifico; qui sotto trovi una tabella, del nostro comparatore, che permette di confrontare le offerte A2A con le offerte attualmente più convenienti sul mercato dell’energia elettrica.

Se, poi, vuoi confrontare nello specifico le singole offerte, puoi utilizzare il seguente pulsante.

Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?

Inserisci qui sotto nome ed indirizzo email, per ricevere gratis aggiornamenti e l'esclusiva guida "Come cambiare fornitore luce e gas senza avere sorprese?"! (condizioni del servizio)

9 commenti su “Confronto offerte A2A Energia luce casa”

  1. Buongiorno sono Kassimi cliente potonziale visto un po prezzi ma ci sono anoche migliore gestore wikiew 0.03/kWh

  2. Ogni bolletta è composta dalle seguenti voci:
    1) Servizi di vendita (54%)
    2) Servizi di rete (33%)
    3) Imposte (13%)
    I servizi di rete, come le imposte, sono stabiliti interamente dallo stato (per cui sono uguali per tutti i gestori) e servono a pagare il costo del trasporto dell’energia elettrica dalle centrali alle abitazioni ma anche gli incentivi per le energie rinnovabili, gli oneri per la messa in sicurezza delle scorie nucleari e le tariffe elettrice agevolate per le Ferrovie dello Stato (tanto per citarne alcune).
    Detto questo, i servizi di rete sono sempre in proporzione all’importo della bolletta: è ovvio che su una bolletta alta questi costi siano maggiori.

    Veniamo alla telelettura. Prima di tutto bisogna distinguere i casi possibili.
    1) Contatore vecchio. Telelettura (ovviamente) non attiva.
    2) Contatore nuovo con telelettura ancora non attivata.
    3) Contatore nuovo con telelettura attiva ma non funzionante (o non funzionante con regolarità).
    4) Contatore nuovo con telelettura attiva e funzionante.

    Nei primi due casi il conguaglio (con cui si ‘allinea’ il consumo fatturato con quanto segna il contatore) avviene in genere una volta l’anno oppure ogni volta che il cliente comunica la lettura.

    Nel terzo caso il cliente può ricevere una o più bollette su consumi presunti che possono non corrispondere al consumo reale. Quando ciò succede è necessario contattare il servizio clienti con la lettura del contatore (A1,A2 e A3) per farsela annullare e riemettere. Se non si fa questa operazione (di annullamento e rifatturazione) il conguaglio avviene comunque non appena il sistema riesce a rilevare la telelettura, ma se questo avviene dopo molto tempo c’è il rischio di ricevere una bolletta di conguaglio molto alta (se si è pagato troppo poco prima) o, al contrario, di ricevere un credito (se si è pagato troppo in precedenza). In ogni caso la possibilità di pagare due volte gli stessi kwh NON ESISTE PROPRIO.

    Veniamo all’ultimo caso e cioè quando la telelettura funziona.
    Inizialmente (qualche anno fa) A2A rilevava le letture a distanza ogni due mesi poco prima dell’emissione delle bollette (quindi senza aggiungere presunti) ma a un certo punto l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas gli ha imposto di rilevarle non più ogni due mesi ma ogni mese e sempre l’ultimo giorno del mese. Visto che non era possibile (senza creare grossi problemi al sistema di consegna delle bollette) emettere le bollette di tutti i clienti i primi giorni del mese successivo si è stabilito di aggiungere una parte presunta, che poi viene ricalcolata la bolletta successiva (mini-conguagli per riportarsi in pari). Ma attenzione: questa parte presunta (che è calcolata esattamente sulla media dei consumi precedenti, per cui normalmente è molto precisa) non è un consumo futuro, che si paga in anticipo. Normalmente, visto che le bollette arrivano a casa molto dopo rispetto al periodo fatturato il consumo è già stato abbondantemente effettuato (come si può facilmente verificare confrontando il dato presunto con la lettura del contatore). Ovviamente questo non vale per le case vuote, dove per forza di cose si anticipano dei soldi che verranno poi restituiti solo quando si chiude il contratto (o si comincia a consumare).

    In sintesi: se la telelettura funziona il 95% della bolletta è sicuramente corretta, mentre il restante 5% (la parte presunta) viene ricalcolato nella bolletta dopo per avere la certezza che le tariffe vengano applicate in maniera corretta (e cioè sulla base di dati reali).

    Se le letture vengono rilevate e le bollette sono troppo alte ciò non è dovuto ai servizi di rete, alle stime che vengono aggiunte o ad altre cose del genere, ma semplicemente al fatto che SI STA CONSUMANDO MOLTA ELETTRICITA’ (e ciò è normale per chi ha ad esempio lo scaldabagno elettrico o dei condizionatori, che sono le apparecchiature con i consumi di gran lunga maggiori).

  3. Io mi sono trasferito a Milano da 6 mesi e con l’A2a mi trovo molto bene, non capisco tutti questi lamenti.. Non lo sapete che in tutela i prezzi li definisce l’autorità per l’energia e non l’a2a? Tra l’altro i contatori sono tele letti, per cui il consumo è quello corretto

  4. io credo che per parlare di un qualcosa (qualsiasi cosa) si debba prima conoscere approfonditamente l’argomento…non strillare lagnanze inutili senza voler capire quali sono i problemi/svolgimenti di un mercato complessissimo pretendendo di aver ragione solo perchè si è clienti!
    io personalmente non ci capisco una mazza di bollette ma umilmente non mi metto a starnazzare su cose che non posso capire…

  5. Come mai pur avendo un contatore elettronico e facendo la letteratura a distanza viene richiesto un acconto per i 10 giorni successivi. Purtroppo non esiste la possibilità di dare le letture. Mi è stato risposto che è un problema di organizzazione. E perché perché dobbiamo pagarlo noi.

  6. Io sono insoddisfatta!
    Immaginate la mia sorpresa, quando salta la luce mentre sto preparando il risotto.
    Il bello che è tutto pagato e hanno il coraggio di sospendermi la fornitura.
    Assolutamente scandaloso.
    Senza contare che hanno il coraggio di dire che ci sono fatture arretrate.
    Per favore…
    Che si sveglino quelli della a2a.
    Passerò a diverso fornitore.
    Inaccettabile!!!

  7. @ Franca
    come descritto nel post http://taglialabolletta.it/quota-energia-della-bolletta-elettrica/ i servizi di rete sono costi necessari al trasporto, distribuzione e misura dell’energia elettrica. Questi costi sono determinati periodicamente dall’autorità A.E.E.G. e non sono negoziabili da nessun venditore.
    Ma a chi vanno questi oneri? Ai propietari della rete di distribuzione nazionale, che in gran parte è posseduta da Terna (società nata dallo scorporo della rete dalla vecchia Enel). I costi di rete sono proporzionali ai consumi.
    Spesso gli operatori del mercato libero, emettono fatture a conguaglio e non secondo i consumi reali in quanto, a loro dire, la società proprietaria dei contatori invia loro le misurazioni in ritardo.

  8. Buongiorno Antonino, avrei bisogno di informazioni sui servizi di rete. Diciamo che in questi ultimi giorni sto cercando in internet informazioni, e il tuo blog mi sembra ben informato.
    Ho A2A (ancora per poco, credo che alla fine passeremo ad edison) e nelle ultime bollette abbiamo avuto un aumento considerevole… oggi ho richiamato il call center e nel chiedere informazioni sulle voci riportate in bolletta e mi sono soffermata sui servizi di rete… ora la sig.na che mi ha risposto (molto cortese per la verità), mi ha detto che nei servizi di rete è compreso un po’ tutto (TUTTO, MA COSA NON SI SA…), e che aumentano in base ai servizi di vendita… Ma è così per tutti i gestori? Possibile che sul mio consumo, oltre a oneri, imposte e iva io debba pagare questo importo (SOLO NELLE ULTIME 2 BOLLETTE DI € 88 A BOTTA), visto che con il nuovo contatore A2A non sostiene nemmeno il costo dell’uscita degli addetti per la lettura??
    Inoltre la cosa che mi ha lasciato più stupita è scoprire che seppur i nuovi contatori hanno la lettura a distanza, parte del consumo venga calcolato sul presunto, questo perché il periodo che va dalla lettura dei contatori alla stampa della fattura non è calcolato e quindi si presume dal consumo della bolletta precedente (MA NON POSSONO ALLINEARE LA STAMPA CON LA LETTURA???) … “come vede da pagina 6 della bolletta, le viene detratto quello che ha già pagato…” – mi ha detto la sig.na – “Pagina 6 delle infinite pagine di bolletta da controllare….” – rispondo io – Comunque anche questo “CALCOLO PRESUNTO” incide, visto che lo calcolo sulla bolletta precedente (CHE A SUA VOLTA E’ CALCOLATA SULLA PRECEDENTE… CHE A SUA VOLTA E’ CALCOLATA SULLA PRECEDENTISSIMA… FINO AD ARRIVARE ALLA DATA DI INIZIO CONTRATTO), e incide sull’aumento del costo dei servizi di rete… E’ come un cane che si morde la coda, se la bolletta prima è alta, il consumo presunto su quello successivo e quindi i servizi di rete aumentano… purtroppo questi controlli inizio a farli dalle ultime 2 bollette perchè sono arrivate con un importo elevatissimo, cosa che fino a qualche bolletta fa non accadeva … Aiutami a capire… sono disperata, grazie

Lascia un commento

La tua Mail non verrà publicata