Contatore luce: che succede se cambio fornitore?

Di Antonino Vento
Contatore energia elettrica

Vorrei passare da Enel Servizio elettrico (o da altro operatore in maggior tutela) al mercato libero: che succederà al mio con contatore di energia elettrica?

Dovrò cambiare il contatore luce con conseguenti costi di sostituzione e di opere edili?

Come cambiare tariffa luce e gas senza brutte sorprese?

Cambiando fornitore di energia elettrica, sia esso in maggior tutela o in libero mercato, non verrà sostituito il contatore luce, nè l’impianto elettrico dovrà subire modifiche.

Il cambio di fornitore di elettricità è solo un operazione commerciale, in quanto la rete di distribuzione locale è unica per tutti i venditori.

Il gestore della rete locale (impresa di distribuzione) è proprietario del contatore ed ha l’onere di manutenzione e lettura dello stesso.

Per maggiori dettagli sull’argomento e per approfondimenti visita la sezione Il Contatore elettrico.

Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?

Inserisci qui sotto nome ed indirizzo email, per ricevere gratis aggiornamenti e l'esclusiva guida "Come cambiare fornitore luce e gas senza avere sorprese?"! (condizioni del servizio)

4 commenti su “Contatore luce: che succede se cambio fornitore?”

  1. Buongiorno.
    Sono stato contattato oggi da Enel e mi hanno detto che pure se usufruisco di un gestore di corrente diverso da loro gli devo comunque pagare l’ affitto del contatore.
    Il costo è di circa 10 euro/mese e che quindi mi conviene tornare con loro perchè questo affitto sarebbe tolto.
    Possible che sia vero?
    Io in precedenza ho usato gestori diversi senza mai avere questo problema.

    1. Faccio una premessa: la rete nazionale è unica ed è gestita da un certo numero di società distributrici, tra le quali e-distribuzione (ex Enel distribuzione). Il prezzo del cosidetto “affitto” non sono altro che gli “oneri di rete e gestione del contatore”, che troviamo in bolletta. Visto che la rete elettrica è unica il prezzo per il suo utilizzo è uguale per tutti i venditori (Enel Energia è un venditore) ed è fissata dall’autorità. Allora la concorrenza dov’è? Su una parte del costo del kWh chiamato “Servizi di vendita”, li ogni venditore gioca le sue carte. Può valutare l’offerta proposta confrontanto la quota energia e non un ipotetico sconto sull’affitto. Per avere un aiuto può guardare questa pagina: http://tariffe.taglialabolletta.it/energia-elettrica/#consumo-2690kwh_ct-4_ch3-1-2-3_tp-0/

  2. Buon giorno ,vorrei chiedere se con un cambio operatore ho un costo aggiuntivo sul noleggio contatore ,come mi ha comunicato enel questa mattina , e non avro lettura dei numeri. preciso che l’operatore non ha saputo dirmi il costo del noleggio annnuo .
    grazie

    1. Salve,
      gli oneri legati alla gestione del contatori sono fissati per legge e regolati dall’Autorità AEEGSI. L’operatore negozia solo la quota energia, tutto il resto è uguale per tutti gli operatori. Per farsi un idea la invito a visitare questa pagina http://tariffe.taglialabolletta.it/energia-elettrica/#consumo-2690kwh_ct-4_ch3-1-2-3_tp-0/ e poi per ogni offerta vedere la sezione maggiori informazioni: troverà conferma di quanto le ho scritto.

Lascia un commento

La tua Mail non verrà publicata