TIM Mail: chi può attivarla e a chi conviene farlo?

Di Valerio Guiggi
TIM mail

Con il passaggio delle attività di telefonia fissa da Telecom Italia a Tim, che prima si occupava solo dei servizi di rete mobile, ci sono una serie di caratteristiche che sono cambiate e che, in futuro, continueranno a cambiare: una di queste è Tim Mail, il nuovo servizio di posta elettronica dedicato a tutti i clienti fissi e mobili della società.

Questo significa che gli utenti avranno a disposizione un indirizzo con estensione @tim.it, il cui accesso sarà disponibile per adesso solo da browser, fisso e mobile, e dai programmi di posta elettronica generici (Outlook e i vari Mail) mentre non esiste un’app specifica, al momento.



Scopri le migliori offerte di Amazon.it >>

Ciò vuol dire che da adesso non sarà più possibile creare mail @alice.it o @tin.it, ma solo @tim.it, e questo fa sorgere una serie di domande, a cui andiamo in questa guida a rispondere. Ad esempio, chi può avere accesso alla nuova Tim Mail? E che cosa succederà ai clienti che hanno Alice mail o Tin mail?

La nuova Tim Mail

La nuova Tim Mail è dedicata esclusivamente ai clienti Tim, per cui può essere registrata solamente da chi ha una linea fissa Tim o una linea mobile Tim.

E non si sgarra, perché in fase di registrazione verrà chiesto il numero di telefono; se questo non esiste o non è Tim, la registrazione non proseguirà, motivo per cui dobbiamo necessariamente essere clienti. Tra l’altro, se ci eravamo già registrati per la linea fissa (se avevamo associato una mail @alice.it al nostro numero di telefono fisso) verremo reindirizzati a quell’indirizzo e non potremo crearne uno nuovo.

Il login si potrà fare indifferentemente da desktop o da mobile all’indirizzo Alice Mail, che rimanderà comunque al nuovo portale Tim Mail, che praticamente è identico al precedente.

Cosa offre TIM mail?

Sottoscrivendo una casella di posta elettronica TIM avrai diritto gratis:

  • 3 GB di spazio per archiviare i tuoi messaggi in ingresso e uscita;
  • possibilità di allegare file di dimensioni massima di 2 GB (servizio GigaAllegati);
  • virus e filtro antispam.

Ma che cosa succede se ad un certo punto cambio operatore telefonico?

Ecco, questo precisamente non lo sappiamo. Dal browser, sia desktop che mobile, sarà comunque accessibile la nostra casella di posta elettronica (ovviamente) da qualsiasi operatore, e la casella rimarrà attiva (non viene disattivata lasciando “a piedi” tutti gli utenti).


Scopri le migliori offerte di Amazon.it >>

L’unico problema riguarderà l’integrazione con le applicazioni Mail generiche che troviamo sui computer e sugli smartphone (le app che si chiamano semplicemente “Mail”, già installate), ai quali vanno associati le caselle: con la vecchia Mail Alice, se cercavamo di associarle la mail all’applicazione sotto una connessione che non era Telecom/Tim, si avevano dei problemi, problemi che potrebbero rimanere in futuro.

Insomma, nessun problema nell’immediato, ma potremmo averne in futuro se decidessimo di cambiare operatore anche se non saranno problemi così evidenti; in ogni caso, se siamo nuovi clienti scegliere la Tim Mail, nonostante i vantaggi, non è una buona idea.

Meglio preferire servizi non legati agli operatori come Gmail o Yahoo, che sicuramente daranno meno problemi, anche in futuro (scopri i migliori servizi di email gratis).

Che cosa cambia per i vecchi clienti?

Per tutti i vecchi clienti che hanno degli indirizzi come @alice.it, @tin.it o @virgilio.it, per adesso le cose non cambiano (a parte Virgilio mail, che è diverso!) e dal solito portale si può accedere alla nuova Tim Mail e alle vecchie estensioni, come abbiamo sempre fatto. Il supporto sarà garantito, perché la società che gestisce la posta elettronica è comunque unica.

Non esiste per adesso un’app per la Tim Mail, per cui come abbiamo sempre fatto le mail saranno consultabili solo da browser, sia fisso che mobile, oppure andranno integrate con le app Mail.

Fa eccezione Virgilio Mail: Virgilio ad oggi non fa più parte di Tim, e se per adesso il supporto continua (cioè, dal vecchio link per la consultazione della mail è ancora possibile accedere alla mail Virgilio) prima di accedere un messaggio ci informa che presto non sarà più possibile farlo, motivo per cui, se abbiamo una mail Virgilio, non per molto potremo accedervi dal portale Tim.



Scopri le migliori offerte di Amazon.it >>

Sarà però, ovviamente, possibile continuare a gestire la posta elettronica ma lo faremo tramite il sito Virgilio, nella sezione Virgilio Mail, oppure tramite l’app Mobile: gli utenti Virgilio si preparino a questa novità, perché in futuro, per loro e solo per loro, le cose cambieranno.

Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?

Inserisci qui sotto nome ed indirizzo email per ricevere aggiornamenti, approfondimenti e novità sull'argomento!

Un commento su “TIM Mail: chi può attivarla e a chi conviene farlo?”

  1. Scusami Valerio, ma mi sembra allarmista il tuo timore per il futuro, in merito all’integrazione con le applicazioni Mail generiche dove scrivi: “con la vecchia Mail Alice, se cercavamo di associarle la mail all’applicazione sotto una connessione che non era Telecom/Tim, si avevano dei problemi, problemi che potrebbero rimanere in futuro”. In realtà, più del fatto che da cliente non mi è cambiato nulla su mobile con altro operatore, rilevo da tecnico che ciò non è possibile: se quella mail resta disponibile sarà pari al servizio offerto da qualunque altro dei fornitori che indichi, bisogna solo configurarne i parametri e ciò vale per tutti!

Lascia un commento

La tua Mail non verrà publicata