Miglior tariffe gas metano 2018

Di Antonino Vento
offerte e prezzo gas metano

La vita del mercato di maggior tutela è agli sgoccioli: perchè non risparmiare passando al mercato libero del gas o, in generale, cambiando fornitore?
Qui puoi scoprire subito, attraverso un rapido confronto, quanto puoi risparmiare cambiando fornitore sfruttando le promozioni di questo mese.

Proseguendo nella lettura troverai le miglior tariffe ordinate dal prezzo più basso a quello più alto e tutte le informazioni utili per poter effettuare il passaggio al nuovo fornitore di gas metano per la casa.

Le 10 miglior tariffe di gas metano di oggi

Qui sotto trovi le migliori offerte di fornitura gas metano del mercato libero, calcolate per l’utente medio, cioè una famiglia con contratto domestico che consuma circa 1400 Smc annui. Se i tuoi consumi si discostano tanto da questo valore puoi modificare la simulazione cliccando qui.

Dalla tabella si evidenzia che se rimani nel servizio di tutela 1.400 Smc di gas metano ti costano fino al 10% in più ogni anno, quindi cambiare fornitore ti farà risparmiare una cifra molto interessante.

Alcune considerazioni sulla simulazione della tabella

Il prezzo finale del consumo di 1400 smc di gas non è uguale in tutte le regioni italiane, in quanto ci sono delle differenziazioni delle accise, più precisamente l’Italia è divisa nelle 6 macro regioni riportate in tabella qui sotto.

Area Importo bolletta del gas
1 > Valle d’Aosta, Piemonte. Liguria calcola l’importo esatto
2 > Lombardia, Trentino A.A., Veneto,
Friuli V.G., Emilia-Romagna
calcola l’importo esatto
3 > Toscana, Umbria, Marche calcola l’importo esatto
4 > Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata calcola l’importo esatto
5 > Lazio, Campania calcola l’importo esatto
6 > Calabria, Sicilia calcola l’importo esatto

La differenza sulle accise però non modifica il risparmio del cambio fornitore, in quanto lo sconto è sulla componente vendita e non sulle altre componenti di rete, quindi un utente di Milano avrà lo stesso risparmio assoluto di un utente di Roma (ad esempio 100€ l’anno) ma un risparmio percentuale diverso a causa dell’incidenza delle differenze legate alle macro regioni. Comunque, e vuoi simulare l’importo che pagheresti cambiando fornitore di metano inserendo il consumo esatto dei metri cubi di gas clicca sul link “calcola l’importo esatto

Per saperne di più sul sistema tariffario e le varie componenti che compongono il prezzo del gas ti consiglio di leggere l’articolo “Capire la bolletta del gas

Come cambiare fornitore di gas metano?

Il cambio del fornitore del gas è un’operazione molto semplice, un’operazione puramente amministrativa in cui cambia solamente il fornitore del servizio senza necessità di effettuare alcuna modifica al contatore, né all’impianto del gas. Quindi grazie ad una semplice pratica si potranno sfruttare i vantaggi economici derivanti dai prezzi proposti dal nuovo fornitore.

Quali documenti servono per fare il passaggio?

Effettuare il cambio di fornitore di gas metano è molto semplice, e si può fare comodamente da casa in pochi minuti. E’ sufficiente avere a portata di mano:

  • La carta d’identità e il codice fiscale, necessari per dimostrare che il cambio è voluto (e non fraudolento);
  • La documentazione relativa alla fornitura, che si può trovare su una vecchia bolletta del gas;
  • Un recapito telefonico e un indirizzo mail al quale deve essere inviata la documentazione per la conferma del contratto e del cambio di fornitore;
  • Se si intende procedere con la domiciliazione delle bollette, l’IBAN bancario.

Attraverso quali canali si può cambiare fornitore di metano?

E’ possibile cambiare fornitore di gas in uno di questi modi:

1. Online

Il cambio fornitore online è la procedura più semplice in assoluto. Si riempie un breve modulo con le informazioni richieste, e il cambio fornitore è completato: dopo la bolletta di chiusura del vecchio fornitore inizieranno ad arrivare quelle del nuovo, in modo semplicissimo. Spesso questo metodo è più economico perchè esistono offerte esclusive online con prezzo inferiore rispetto quelle che possono essere sottoscritte con altre modalità.

2. Servizio gratuito di consulenza telefonica

Se non sei abituato ad usare il computer, puoi usare un servizio di consulenza telefonica, in cui un’operatore ti contatterà per eseguire, al telefono, tutte le operazioni necessarie al cambio di fornitura. Anche la telefonata richiede pochi minuti di tempo.

3. Negozio dell’operatore o rivenditore autorizzato

Alcuni operatori hanno infine dei negozi fisici nelle città, che sono utili in caso di problemi con le forniture. Il cambio si può fare anche lì, ma è una soluzione più dispendiosa in termini di tempo e non tutti i fornitori hanno dei negozi nelle vostre città, per cui in linea di massima sono da preferire le due soluzioni precedenti.

5 commenti su “Miglior tariffe gas metano 2018”

  1. Buongiorno, nel valutare le varie offerte di Luce e Gas del mercato libero, l’attenzione viene convogliata sulle varie tariffe che offrono le diverse compagnie. Ma riguardo ai servizi di rete, di distribuzione, imposte ecc, questi importi sono uguali per tutti gli operatori, o variano?

    Grazie!

    1. Buongiorno, le componenti del costo di un smc di metano o di un kWh di energia elettrica sono tante. Il fornitore può agire sulla cosiddetta componente energia o componente materia prima, cioè quella parte legata alla produzione. Il resto delle voci (quindi trasporto, accise, ecc) sono uguali per tutti e vengono fissati dall’Autority, che a partire dal 1° gennaio 2018 si chiama ARERA (prima era la famo AEEGSI).

  2. E’ vero. Non bisogna essere pigri e fare come per il telefono o le polizze auto. Solo cosi’ si crea una vera competizione nel mercato alla quale i gestori devono adeguare tariffe e condizioni.

  3. Si dice tanto di questo mercato libero e del potenziale risparmio per le famiglie che se cosi’ fosse. In realtà’ e’ tutta una presa in giro mediatica in quando se confrontano i prezzi compreso tutti i cavilli inseriti microscopicamente nelle clausole della nota informativa.peccato che la gente viene abbagliata solo da quelle gigantografie lampeggianti del cosiddetto risparmio che non c’ e’ e viene abbintolata facendogli anche fare una finta corsa a questo finto o non risparmio.potete commentarmi questo? Grazie(viva l’Italia)

    1. Che pensi del mercato delle telecomunicazioni?

      Sul mercato dell’energia l’utente si dovrebbe comportare allo stesso modo: cambiare gestore periodicamente e approfittare delle offerte nuovi clienti.

      Il risparmio c’è, non è del 50% come molti fanno credere, ma aiutandosi con i comparatori di offerte si riusciranno a individuare le tariffe vantaggiose e quelle truffa.

Lascia un commento

La tua Mail non verrà publicata