Cos'è la voce di costo Trasporto e gestione del contatore (ex servizi di rete) della bolletta elettrica?

aggiornato il
minuti di lettura
confronto luce e gasconfronto luce gas

L'Offerta Luce e Gas più conveniente oggi 23 Giugno 2024?

Chiama ora e Risparmia in Bolletta. Meglio fisso o indicizzato? Confronta gratuitamente e senza impegno con un esperto energia.

confronto luce e gasconfronto luce gas

L'Offerta Luce e Gas più conveniente oggi 23 Giugno 2024?

Confronta e Risparmia! Parla con un esperto prenotando una richiamata gratuita.

Gli oneri per Trasporto e gestione del contatore corrispondono ai Servizi di rete presenti in bolletta fino al 31/12/2015. Con la nuova riforma in vigore dal 1 gennaio 2016 il legislatore tende a semplificare la bolletta elettrica e ad eliminare gradualmente gli scaglioni di prezzo dell'energia elettrica. Gli oneri per Trasporto e gestione del contatore servono a far recuperare alle società che gestiscono la rete elettrica nazionale i costi di trasporto, distribuzione e misura dell'energia elettrica. Cioè in poche parole è il prezzo da pagare per poter trasportare l'energia dal punto di produzione al punto di utilizzazione. Questi costi non sono negoziabili in quanto, per il trasporto e la distribuzione dell'energia elettrica, tutti i venditori usano la stessa rete elettrica nazionale e l'ammontare degli stessi è stabilito periodicamente dall'autorità.

Come vengono fatturati i costi di trasporto e gestione del contatore se si acquista in regime di maggior tutela?

Gli acquirenti in regime di maggior tutela troveranno in bolletta la trasporto e gestione del contatore senza distinzione tra quota fissa, quota potenza e quota variabile.

Quota fissa

Comprende degli oneri a costo fisso, cioè da pagare indipendentemente dal volume dei consumi e l'unità di misura è €/cliente/anno.

Quota potenza

La quota potenza viene addebitato in bolletta in funzione della potenza contrattuale. L'unità di misura è €/kW/Anno.

Quota variabile

E' proporzionale all'energia elettrica consumata dall'utente. Il costo è espresso in €/kWh ed il corrispettivo per ogni kWh varia in funzione di scaglioni di consumi (leggi l'articolo su come funziona la fatturazione a scaglioni).

Come vengono fatturati i servizi di rete se si acquista in libero mercato?

I venditori del mercato libero possono fatturare i servizi di rete in bolletta in modo diverso purché esplicitato in contratto. Facciamo qualche esempio per fissare meglio il concetto prendendo in esame qualche offerta del mercato libero:

  • Enel Energia: il fornitore in alcune tariffe ha accorpato tutte le componenti in un unico prezzo, il costo del kWh è di 0,31 +iva, salvo sconti e promozioni;
  • ENI Plenitude: il gestore fissa solo la quota energia, facendo pagare i servizi di rete secondo le tariffe e modalità stabilite dall' autorità Arera.

Quindi da questi semplici esempi, puoi la grande flessibilità dell'operatore nel fatturare la componente servizio di rete in bolletta, spalmandola nel modo più opportuno per rendere, a suo giudizio, l'offerta di fornitura elettrica accattivante. Questo è tutto, per qualsiasi dubbio, domanda o commento sulla componente servizio di rete non esitare a lasciare un commento.