CAPIRE LA BOLLETTA ELETTRICA

IL CODICE POD DATA DI ATTIVAZIONE TIPOLOGIA DI CONTRATTO
TIPOLOGIA DI TARIFFA TENSIONE FORNITURA TIPO DI CONTATORE
POTENZA IMPEGNATA POTENZA DISPONIBILE LETTURA E AUTOLETTURA
TIPOLOGIA DEI CONSUMI CONSUMI E SCAGLIONI I SERVIZI DI VENDITA
I SERVIZI DI RETE GLI ONERI DI SISTEMA LE IMPOSTE
BONUS ELETTRICO ONERI DIVERSI MAGGIOR TUTELA
MERCATO LIBERO DIRITTI DEL CONSUMATORE IL MERCATO ELETTRICO

Tag principali

AEEGSI Contatore elettrico Contratti e bollette gas Diritti del consumatore Domotica e IoT Edison Energia Efficienza energetica Enel Energia Eni Gas e Luce Guide climatizzazione Guide fibra ottica Guide Internet Casa Offerte energia verde Offerte Fastweb Offerte Huawei Offerte iPhone compreso Offerte TIM Offerte TRE Offerte Vodafone Internet Offerte Vodafone Mobile Offerte WIND Quinto conto energia Samsung Sky TV Tariffe maggior tutela

Casa energeticamente efficiente

Il corrispettivo Cmor delle bollette luce e gas

Gli operatori del mercato libero dell’energia hanno a disposizione uno strumento per cercare di recuperare potenziali crediti pregressi: il coefficiente di morosità o meglio conosciuto come Cmor.

Negli ultimi anni il Cmor è stato oggetto di discussioni anche in sede … continua a leggere

costo della bolletta elettrica

Bolletta Web luce e gas: quanto si risparmia e come attivarla con tutti gli operatori!

Da qualche anno gli operatori telefonici mettono a disposizione una nuova modalità per ricevere le nostre bollette: in pratica, invece di riceverle per posta possiamo riceverle online, sia via mail che tramite l’app o il sito del servizio elettrico: in questo articolo vedrai come attivarla e gli eventuali risparmi che puoi ottenere. … continua a leggere

costo della bolletta elettrica

Tariffe luce 2017: cosa cambia con la nuova riforma?

Il 1° gennaio 2016 inizia riforma dell’energia elettrica (delibera AEEGSI 502/2015), riforma che nel triennio 2016-2018 ridefinirà totalmente il sistema tariffario, rendendolo più equo secondo gli intenti dell’Autority AEEGSI. Quest’anno, 2017, entra in vigore la seconda parte, cioè quella che dovrebbe incidere in modo più radicale sulla nuova struttura tariffaria: vediamone le novità, oltre che capire se è veramente equa. … continua a leggere

contatore trifase enel

Cos’è la componente “servizio di vendita” presente in bolletta?

Quando si legge una bolletta dell’energia elettrica, tra le vari voci del dettaglio costi figura la componente servizio di vendita : ma cos’è questa componente?
Come sono determinati i costi in essa presenti?
E’ possibile risparmiare passando al mercato libero?
Scopriamolo in questo breve articolo. … continua a leggere

Come leggere la bolletta della luce

Come leggere la bolletta della luce?
Sembra una domanda banale ma è un documento composto da molte voci, le quali possono essere difficili da interpretare, ma che nell’intento del legislatore … continua a leggere

costo della bolletta elettrica

Le modalità di rateizzazione della bolletta luce

Può capitare, a seguito di un conguaglio, che arrivi una bolletta elettrica molto onerosa: cosa fare?
E’ possibile chiedere la rateizzazione della stessa?
E con quali modalità?
In quest’articolo troverai risposta a queste domande. … continua a leggere

contatore trifase enel

Cos’è il codice POD?

Il POD è un codice alfanumerico che identifica in maniera univoca il punto di prelievo dell’energia elettrica dalla rete nazionale; in genere si trova nel primo foglio della bolletta di fornitura dell’energia elettrica. Solitamente è costituito da 14 caratteri … continua a leggere

Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico

Cosa sono gli scaglioni di prezzo del kWh?

Prima del 1° gennaio 2016 il prezzo di alcune componenti del costo di un kwh di energia elettrica variano in funzione dei consumi annui del cliente finale.
In particolare le tariffe sono fissate per intervalli di consumi, detti scaglioni , che ti riporto in tabella. … continua a leggere

il contatore elettrico

Lettura e autolettura del contatore luce: quali le differenze? Quali i diritti?

Hai sentito parlare di lettura del contatore e di autolettura del contatore: è la stessa cosa o ci sono delle differenze sostanziali?
Chi deve farsi carico della lettura del contatore? Con quale periodicità deve essere fatta la lettura? … continua a leggere

Come ottenere il bonus elettrico 2015?

E’ stato rinnovato anche per il 2015 il bonus elettrico: agevolazione sulla spesa di energia elettrica rivolta a famiglie economicamente disagiate, numerose e con malati gravi che debbano usare macchine … continua a leggere

Tensione di fornitura, livelli di tensione elettrica e range di variazione

In questo articolo ci occuperemo dei livelli più tecnici della fornitura dell’energia elettrica che arriva nelle nostre case. Cercheremo così di capire molte delle definizioni che troviamo in bolletta e, nel momento in cui dobbiamo aumentare (o diminuire) la potenza elettrica di casa, ad esempio per l’installazione di un condizionatore, le cose che ci vengono dette dall’operatore dell’energia elettrica che rifornisce la nostra zona. Capiremo quindi che cos’è la tensione elettrica, quali valori può raggiungere nel nostro paese e quali sono i range tollerabili, cioè il valore minimo e massimo oltre i quali è possibile sporgere reclamo al fornitore.

Quali livelli di tensione elettrica della rete italiana?

I livelli di tensione vengono identificati con le sigle BT, MT, AT, AAT associati a questi valori di tensione di alimentazione:

  • BT (bassa tensione) tensioni fino a 1.000 V;
  • MT (media tensione) tensioni da 1.000 V fino a 35.000 V;
  • AT (alta tensione) tensioni da 35.000 V fino a 150.000 V;
  • AAT (altissima tensione) tensione superiore a 150.00 V.

Come faccio a capire il livello ed il valore di tensione della mia fornitura elettrica?

Le forniture di energia elettrica per uso domestico solitamente sono in BT (bassa tensione) monofase con tensione 230V o trifase con tensione 230/400V, comunque la tensione di fornitura è un dato riportato nella bolletta di fornitura di energia elettrica.

Quali le tolleranze nel caso di fornitura 230/400V?

Per motivi tecnici (caduta di tensione sulla linea elettrica) il valore della tensione non è sempre uguale a quello nominale (230 o 400V), questo può variare entro il limite del 10%, in più o in meno, del suo valore nominale.

Range di variazione per tensione 230V

Nel caso di tensione a 230V, l’intervallo consentito è compreso tra 207 e 253V.

Range di variazione per tensione 400V

Per una tensione di 400V, invece il range è 360-440V

Cosa fare in caso di tensione fuori range tollerabile?

Bisogna fare una segnalazione al proprio fornitore di energia elettrica, che a sua volta comunicherà l’anomalia al gestore di rete (oggi il gestore di rete non coincide con il fornitore di energia elettrica). Poi quest’ultimo deve verificare e ripristinare le condizioni minime imposte per legge.

Data di attivazione della fornitura

Nel caso di cambio fornitore di energia elettrica la data di attivazione della fornitura coincide con il primo giorno di fornitura di elettricità alle condizioni economiche del nuovo gestore. … continua a leggere

Cos’è la tariffa monoraria?

Nella tariffa monoraria il prezzo del kwh che non dipende dal giorno e dall’ora in cui si consuma energia elettrica.
Oggi, tranne qualche eccezione, per poter scegliere la tariffa monoraria bisogna passare al … continua a leggere

Cos’è la tariffa bioraria?

Con la tariffa bioraria pagherai l’elettricità in funzione dell’ora e del giorno in cui la consumi. … continua a leggere

contatore trifase enel

Potenza contrattuale e potenza disponibile

La potenza contrattualmente impegnata è definita al momento della stipula del contratto di fornitura di energia elettrica e va stimata in funzione delle apparecchiature che l’utente deve alimentare contemporaneamente.

Ad esempio se non posso fare a meno di utilizzare contemporaneamente lavatrice da 2kW e forno da 2kW ho bisogno di una potenza contrattuale maggiore o uguale a 4kW e cosi per le altre tipologie di carichi elettrichi presenti nell’immobile.

La potenza disponibile è la potenza massima prelevabile, oltre la quale si potrebbe verificarsi il fatidico “scatto del contatore” con conseguente interruzione di energia.

Per i clienti con potenza contrattualmente impegnata fino a 30 kW la potenza disponibile è pari alla potenza impegnata aumentata del 10%.

Tagli di potenza disponibili per i clienti domestici

Per gli utenti domestici e similari alimentati a tensione di rete 230/400V fino al 31/12/2016, salvo proroghe, sono disponibili i seguenti tagli di potenza indicati in tabella.

Potenza contrattuale kW Potenza disponibile kW
1,5 1,65
3 3,3
4,5 4,95
6 6,6
10 11

Per semplicità di trattazione ci siamo fermati a 10kw, accanto ad ogni valore di potenza e stato messo il valore di potenza disponibile, il cui valore è pari al +10% della potenza contrattuale.

In virtù dell’entrata in vigore del nuovo sistema tariffario, dal 1° gennaio 2017 ogni esercente è obbligato a dare maggiore possibilità di scelta all’utente, in particolare sarà possibile scegliere i tagli presenti in tabella.

Potenza max kw Incrementi/decrementi di potenza
fino a 6 variazioni di 0,5 kw, quindi ad esempio esisteranno tagli come il 2kw, il 3,5 …. ecc
> 6 e fino a 10 variazioni di 1 kw, quindi esisteranno tagli 7kw, 8kw e 9kw
>10 e fino a 3 variazioni di 5 kw, quindi esisteranno tagli 15kw, 20kw e 25kw

Per l’anno 2016 l’autority invita i vari esercenti a poter fornire al più presto maggiore variabilità nella scelta della potenza contrattuale, anticipando così i vincoli previsti a partire dal 2017.

Per maggiori informazioni sulla nuova riforma delle tariffe luce ti consiglio di leggere l’articolo “Tariffe luce: cosa cambierà con il nuovo sistema tariffario?